Scusate, è successo anche a me!

 

Linked from Wikimedia via Google Image

Linked from Wikimedia via Google Image

 

Eh si, signori miei, è successo anche a me.  

Avevo pubblicato un post sull’infoproduct citando come “best case” un blog (che ora non posso citare) e in cui sostenevo come, finalmente, esistesse un esempio Italiano di infomarketing degno di nota. A partire dall’osservazione di questo blogsite avevo isolato alcune caratteristiche che dovrebbe avere un blog mirato all’infomarketing.

Arrivo a casa e mi trovo una email dell’ufficio legale dell’azienda (che ovviamente non cito) e che mi intima di rimuovere entro 24 ore il post pena la denuncia di violazione dell’utilizzo del marchio perchè, l’utilizzo fatto, era considerato lesivo dell’immagine aziendale. 

Vi scrivo poichè abbiamo riscontrato che state utilizzando sul vostro sito, senza autorizzazione il marchio [CENSORED], fornendo informazioni che denigrano l’immagine del nosto sito nonchè divulgando informazioni riservate.

Che dire? sono esterefatto. Capisco se ne avessi parlato male, capisco se li avessi dipinti come truffaldini. Ma prendere un blog o un sito come esempio sano di infomarketing e sentirsi minacciare di danno di immagine… inoltre dove sono le informazioni riservate dato che tutto ciò che cito è pubblicato proprio sul loro sito? 

Dei responsabili, monitorano quotidianamente le testate ed i siti presenti su internet, per tanto, nell’eventualità in cui si dovessero ripetere altre violazioni nei nostri confronti, procederemo, SENZA ALCUN PREAVVISO alla citazione in giudizio, sulla base degli articoli che disciplinano la tutela di informazioni riservate ed il trattamento di marchi registrati.

Ancora… ma riservate di cosa? Se le informazioni fossero riservate, quantomento dovrebbero essere protette da Password se non, addirittura, non pubblicate. Sul trattamento dei marchi registrati posso capirlo, anche se, come ho detto, non è stato fatto alcun uso a fini di diffamazione.

A proposito di word-of-mouth marketing

Comunque, come disse Garibaldi, Obbedisco! Questo è un blog personale tenuto a tempo perso. Sinceramente essere citato per aver fatto pubblicità positiva proprio non mi va e lasciare il post non me ne viene nulla. Quindi l’ho rimosso.

Scusate!

0 thoughts on “Scusate, è successo anche a me!

  1. Claudio Cicali

    Beh, io una telefonatina ai gentili signori gliela facevo, anche solo per fare quattro chiacchere tra amici. Che tristezza, mamma mia 🙂

  2. exploradora

    Simone, capisco alla perfezione e sono stata molto vicina a una vicenda del genere. Non bastano mai le precauzioni, purtroppo la legge italiana in materia di diffamazione è un disastro e puoi ritrovarti davvero in una brutta posizione anche con poco.

  3. gino

    sono d’accordo con claudio, due chiacchiere di reciproca spiegazione non avrebbero guastato, per iniziativa da parte loro senza dubbio, ma tutto sommato anche per iniziativa tua

    1. Simone Favaro Post author

      Gino, Claudio
      ieri sera ho avuto uno scambio di email con il legale e abbiamo chiarito entrambe le posizioni. Alla fine ho avuto anche un riconoscimento da parte loro sul lavoro di analisi svolto. Ciò nonostante ho preferito lasciare offline il pezzo. Magari lo ripubblicherò edulcorato di tutti i riferimenti al loro sito e ai loro marchi.
      Grazie.

  4. Pingback: Dal Digital al Social Devide @ Simone Favaro

  5. Pingback: Media digitali in crescita e il dilemma dei Paid Content @ Simone Favaro – Post Digital Communication

What do you think about?