Chromebook: successo o fallimento?

Chromebook @Simonefavaro

Source Image: IT Espresso

 

 

E’ probabilmente il sogno di Google, la sintesi di anni di lavoro sulla organizzazione delle informazioni in rete, sulla creazione di applicazioni basate sulla rete, di integrazioni e di servizi in rete.

Chromebook è, a quanto pare, tutto questo. L’aspetto di PC ed il cuore di Internet.

Sarà vincente o un flop?

Rispetto a quando fu proposto negli anni 90 il Network Computer le condizioni sono cambiate. Internet è diventato uno strumento di massa, la banda è aumentata (meno del previsto, ma è aumentata), la cultura di rete (almeno a livello mondiale) è maturata, i costi dell’hardware sono drasticamente diminuiti.

Se si pensa a Chromebook come un prodotto per il segmento consumer, in particolare in Italia, probabilmente è destinato a fallire nel breve periodo. Altro è se si vede il prodotto all’interno di sistemi azienda, dove tral’altro proprio Google ha una offerta specifica (GoogleApps).

In questo secondo scenario, tutto quadrerebbe:

  • bassi costi hardware (sembra che il prezzo sarà al massimo di 500$ – poco più di 300 euro)
  • minori costi software (con aggiornamenti automatici dal Chrome Web Store)
  • centralizzazione dei documenti su server (finita l’era delle copie locali che fanno disperdere informazioni in azienda)
  • maggiore controllo sulle applicazioni installate

Nel primo scenario – prodotto per il segmento consumer – i vantaggi sono meno forti. Se infatti nel mondo business posso prevedere la presenza di una rete aziendale “Chrome Based” e quindi con una maggiore stabilità di connessione e prestazioni più alte, nel segmento consumer, dove debbo per forza utilizzare il sistema cloud di Google, le cose si complicano un po’ e, quindi, ha ragione Gigi Cogo quando dice

Già mi vedo gli utenti tirar giù le madonne dal cielo ogni volta che, grazie all’efficiente disponibilità di connettività on-the-air, l’aggiornamento del documento o dell’applicazione, resteranno nel limbo e sospesi nella terra di nessuno

 

What do you think about?