[GUIDA A LINKEDIN] La logica del networking

Per sfruttare al meglio le potenzialità di networking (di creazione della rete di contatti) è importante ricordare che LinkedIN è costruito attorno al principio dei 6 gradi di separazione, secondo cui una persona può collegarsi ad un altra persona attraverso una catena formata da non più di 6 intermediari.

Si immagini una serie di cerchi concentrici, al cui centro siamo noi. Il primo anello che ci circonda, rappresenta la nostra rete di contatti. L’anello successivo, i contatti dei nostri contatti, e così via. Ogni anello rappresenta un grado di separazione.

La funzione principale di Linkedin come strumento di networking è quello di mappare questi percorsi e le nostre connessioni ad altre persone. In questo modo, se si vuole entrare in contatto con qualcuno che non conosciamo personalmente, Linkedin permette di trovare le persone nella nostra rete di contatti che possono aiutarci a raggiungere quella persona.

Partendo dalla nostra rete, Linkedin formalizza la “distanza” che ci separa da una persona classificandola come:

  1. contatto di primo livello (1st degree contact), ovvero persona appartenente ai nostri contatti;
  2. contatto di secondo livello (2nd degree contact), persona che non conosciamo direttamente, ma è nella rete di uno dei nostri contatti di primo livello
  3. contatto di terzo livello (3rd degree contact), persone che sono conosciute dai nostri contatti di secondo livello.

La nostra rete è formata dai contatti di primo, secondo e terzo livello. LinkedIN, rispettando il principio dei 6 gradi di separazione (ma anche per una forma di convenienza nella vendita di servizi premium, NdR) spinge l’utilizzo della “introduzione“, ovvero di farsi presentare da qualcuno. Coloro che si trovano oltre il terzo grado sono considerati “fuori dalla rete” e per poterli raggiungere dobbiamo, prima, raggiungere qualcuno presente nel terzo livello.

Grazie alle statistiche di rete, LinkedIN offre la possibilità di capire le potenzialità del nostro network indicando per ciascun grado di separazione le persone che potenzialmente possiamo contattare. Informazione questa che torna utile per avere una prima stima di quanto possiamo allargare il nostro business. Ovviamente è un dato completamente asettico, non tenendo conto in alcun modo del tipo di contatto e indicando solamente il numero massimo di persone potenzialmente raggiungibili. Altrettanto chiaramente più ampio è il numero di contatti di primo livello, maggiore sarà quello di secondo e terzo livello.

Nel corso degli anni, tuttavia, LinkedIN è diventato più flessibile permettendo di includere nella rete potenziale anche coloro che, pur essendo oltre il terzo grado di separazione, è potenzialmente raggiungibile perché frequenta un Gruppo al quale noi siamo iscritti.

Cosa pensi di questo post? Dillo nei commenti e aiutami a migliorare la guida e dai i tuoi suggerimenti nella pagina “Guida a Linkedin“.

What do you think about?