Turchia. Old e new media in #occupygezi

Relativamente a quanto succede in Turchia, non tornerò a ripetere quanto ormai e noto sulle cause e sulle dinamiche che stanno interessando la protesta e nemmeno del ruolo che ha avuto Internet ed in particolare Twitter nella comunicazione e nell’organizzazione delle manifestazioni. Tuttavia conoscendo il grado di digitalizzazione del paese, la domanda  è: davvero è stato sufficiente Twitter a far crescere la partecipazione?

Internet qui, secondo gli ultimi dati di Internet World Stats, raggiunge il 45,7% dei cittadini ed è particolarmente concentrato nelle regioni delle prime tre grandi città (Istanbul, Ankara e Izmir). Confrontando i luoghi delle proteste con la distribuzione del tasso di penetrazione è evidente che Internet da solo non avrebbe potuto smuovere la massa che è scesa in piazza in questi giorni in, ricordiamolo, oltre 90 città.

Source Image: aljazeera.com
Distribuzione dei Tweet durante le manifestazioni – Source Image: aljazeera.com

Allora come è stato possibile tutto questo? Esistono diverse concause:

  • Attivismo dei giornalisti della carta stampata. In generale ciascun giornalista ha un account Twitter su cui è attivo, non solo per sindacare i propri articoli ma in costante contatto e relazione con i propri follower/lettori. Quanto avvenne a Taksim, quindi, fu subito a portata di mano dei giornalisti che iniziarono subito ad osservare quanto stava accadendo e ad intervenire direttamente come hub e amplificatori.
  • TV locali. come l’Italia, anche la Turchia ha una media di tempo di consumo televisivo superiore alla media mondiale, in particolare le TV locali. Esse hanno coperto in modo completo e costante quanto accadeva a Taksim prima e nei vari centri successivamente.
  • L’assenza dei network nazionali. Come risaputo, i network nazionali non hanno coperto l’evento e, quando l’hanno fatto, lo riportavano in modo strumentale. Cosa puntualmente smentita subito a mezzo Twitter dai manifestanti e successivamente dalla carta stampata. Eccezione di questo è Halk TV che ha sempre coperto l’evento in diretta, mentre altri canali (come CNN Turk o NTV, per citare i più noti) trasmettevano documentari o intrattenimento.
  • Network internazionali. In Turchia la TV satellitare gratuita è molto diffusa. CNN e BBC sono stati tra i primi network internazionali a coprire gli scontri a Taksim e a trasmetterli. CNN e BBC sono normalmente visibili su satellite e, in abbonamento, anche con il doppiaggio o il sottotitolo in Turco.

Ciascuno, quindi, ha avuto un ruolo ben distinto:

  1. Twitter è stato lo strumento organizzativo e di comunicazione tra i manifestanti, ma anche la fonte principale per la carta stampata.
  2. TV locale è stata la prima fonte di informazione territoriale, che ha attirato i manifestanti a Taksmi
  3. TV nazionale (ad eccezione di Halk TV) si è prestata come organo di informazione “governativa”.
  4. I Network Internazionali hanno giocato come informatore all’estero e come watch dog nei confronti dei network internazionali, allo stesso tempo informando la popolazione locale.

In questo contesto ritengo significativa la relazione tra Internet e carta  stampata. In particolare #occupygezi sembra essere stato il laboratorio perfetto tra il citizen journalism ed il professional journalism, dove il primo segnala e racconta l’evento ed il secondo lo verifica e lo porta a conoscenza di quel 55% di popolazione non connessa. Senza questa collaborazione, probabilmente, molti dei fatti negativi che hanno caratterizzato questi giorni non sarebbero emersi con la dovuta attenzione.

Published by

Simone Favaro

Techno and humanist enthusiast. I'm in the technology marketing sector. I'm even the author of a book about on-line business networking.

What do you think about?