Simone Favaro - Made by Italy

Made by Italy

La proposta di riforma costituzionale per ridurre il numero di Parlamentari vede un taglio netto anche ai rappresentanti eletti nella circoscrizione estero: dagli attuali 12 (Camera) e 6 (Senato), la riforma porterebbe a 8 il numero di parlamentari e a 4 i senatori.

Ciò significa, stando ai numeri delle elezioni 2018, che “un deputato eletto in Italia rappresenterebbe 150.000 abitanti, uno eletto all’estero 700.000 iscritti AIRE; un senatore eletto in Italia poco oltre 300.000 abitanti, uno all’estero oltre 1 milione e 400 mila iscritti AIRE” (Fonte CGIE).

Personalmente ritengo che a fronte di un crescente numero di Italiani all’estero (sono oltre 5 milioni) si apra un problema di rappresentatività. Il numero di italiani all’estero si avvicina quasi alla popolazione della Lombardia. A tutti gli effetti si tratta di una Regione.

Come spesso dico, piuttosto di spendere risorse nel tentare di rimpatriare chi sta all’estero, converrebbe investire nell'”internazionalizzazione” della società Italiana. Le strutture di base già ci sono: Ambasciate, Consolati, Camere di Commercio, ComItEs, Patronati, Istituti Italiani di Cultura e le numerose associazioni di Italiani nel Mondo.

Si tratta di una rete imponente di professionalità ecompetenze che sino ad oggi non si è riusciti a capitalizzare perchè focalizzati su politiche di territorio. Ma l’Italia, se mai ci fosse bisogno di ribadirlo, non è più (e forse non è mai stata) solo una penisola.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di politiche inclusive, più che esclusive, incentivare l’imprenditorialità e la cultura all’estero.

Fa sorridere il ministro Salvini quando dice: “Se vuoi il made in Italy, vieni a produrre in Italia”. E’ anacronistico. Forse sarebbe il caso di passare dal “Made in Italy” al “Made By Italy”.

Il “Made by Italy” è in grado di rappresentare meglio la cultura, l’innovazione e l’eccellenza che siamo riusciti ad esprimere nel corso dei secoli, e non solo dentro i confini nazionali.

Published by

Simone Favaro

Techno and humanist enthusiast. I'm in the technology marketing sector. I'm even the author of a book about on-line business networking.

What do you think about?