Man Machine Interface

 

 

Chi è cresciuto a pane e fantascienza non può non ricordare i cavi con cui il Maggiore Kusanagi si interfacciava alla rete e poteva comunicare e controllare i computer solo con il pensiero. Erano gli anni 90 e Ghost In The shell evidentemente ha preannunciato una rivoluzione che proprio in questi anni si sta concretizzando.

Dopo gli annunci del Nic sulla robotica, dopo il progetto Cyborg 2.0 del professor Kevin Warwik , nel sito on line de Il Sole 24 Ore appare la notizia che, finalmente, sarà possibile controllare il PC con il solo pensiero grazie ad una connessione attraverso elettrodi. L’applicazione, si dice nell’articolo, sarà rivolta in particolar modo ai disabili che non sono in grado di interfacciarsi con il computer attraverso il corpo. Personalmente credo che non mancheranno le applicazioni militari e industriali…

L’uomo diventa interfaccia umana per il controllo dei PC e sempre di più è parte integrante di quel mondo “digitale” da lui realizzato per lo sviluppo della comunicazione. Non sembrano essere molto distanti le visioni di Johnny Mnemonic, di Ghost In The Shell appunto e, in un certo qual modo, di Matrix. 

Published by

Simone Favaro

Blogger, author, marketing and business networking strategist helping companies to build their online strategy and strong relationships using the social web.

What do you think about?