YES. Il peggio del peggio della comunicazıone

Penso che Yes abbia raggiunto la sintesi del peggio del peggio della comunicazione Italiana:

1) uno spot improbabile basato, guarda caso, sull’equivoco sessuale: in un condominio si sente una donna urlare con eccitazione “YES” (la telecamera entra in stanza e fa vedere i vestiti sparsi sul pavimento. Si intravede sul letto una donna che si agita. La telecamera inquadra la scena: ragazza in mutande e canottiera, ragazzo in pigiama e portatile sul letto. Stanno giocando sul sito di YES.)

2) un sito in cui ritorna l’elemento sessuale con due simil-croupier da strip poker e strip roulette, più una addetta help desk in espressione da hot line erotica

le 3 yessine

3) dulcis in fundo, il “chi siamo” mette la ciliegina sulla torta con una presentazione tipica dell’azienda IT autocelebrante:

G.Matica, azienda del portafoglio imprenditoriale ICT Almaviva, nasce nel 2004. Si aggiudica la concessione per la gestione delle AWP (new slot). Oggi l’azienda conta un parco macchine di circa 32.000 apparecchi collegati e una concessione di gioco online.

Nel 2011 Novomatic, leader internazionale del gaming, entra nel pacchetto azionario di G.Matica e porta con sé Admiral, brand che fonda il suo business su 100 location di gioco:

    • 60 Admiral Club
    • 30 betting shop
    • 1 sala bingo
    • 4 casinò in Europa

L’experience delle diverse aziende, ognuna con la sua specificità, si concretizza con un progetto on line che sfocia in CasinòYES.it by Admiral.

Scelta non casuale. Quel “by Admiral” affiancato al nuovo marchio certifica l’indiscussa esperienza nel mondo del gioco proprietario di case da gioco, negozi, betting shop e sottolinea di quale livello sia l’operazione YES.

Ma soprattutto… chi è “Admiral” che dovrebbe darmi la garanzia delle experience? Chiedo venia per la mia ignoranza…

Tagged on:

What do you think about?