Social media, cose serie

*** cambiato titolo, scusate ***

Ieri è stata una giornata dura per Groupalia, Brux e Prenotable a seguito dei tweet che sfruttavano il terremoto per promuovere i loro prodotti.

A tempi e ritmi diversi si sono susseguiti tweet e messaggi di scuse.

Groupalia è stata la prima a rettificare il proprio post (cancellando l’originale quasi subito, #fail)

Scuse-di-Groupalia-su-Twitter

e facendo pure una ennesima gaffes:

Groupalia-toppa

Le risposte di Brux arrivano solo verso le attorno alle 17.30 sul sito web e sulla pagina di Facebook, con tanto di smentita del licenziatario (“non gestiamo noi l’account”).

Scuse-Brux

Mentre quella di Prenotable in piena notte e, oggi, attraverso un chiarimento su Linkiesta

scuse-prenotable

Il messaggio comune “non è nel nostro stile“; “non volevamo offendere nessuno“; “siamo vicini alle persone colpite”. Affermazioni che hanno aggravato ulteriormente la loro situazione:

“@Prenotable certo che nel vs stile sennà non l’avreste scritto! Sensibilità zero!” (@_MissAnnie)

 

“@Prenotable scusate voi se non è nel mio stile utilizzare servizi offerti da sciacalli come voi” (@nellone23)

 

“@GroupaliaIT se non era vs intenzione “offendere” volevate forse farci ridere di una tragedia ? #terremoto” (@cristinascappa)

Dalla loro pessima gestione, cerchiamo perlomeno di trarre qualche indicazione utile:

  • Pianificare la presenza. gestire i canali social media di un Brand non significa scrivere la prima cosa che ci passa in mente. La pianificazione e la strategia dei contenuti deve essere studiati a tavolino definendo chi, cosa, come e quando uscire (anche per un solo Tweet).
  • Essere umani. mai utilizzare script di generazione automatica dei tweet. Seguire i trend topic può risultare pericoloso.
  • Sempre pronti. avere sempre una exit strategy per le situazioni di emergenza, anche con la più semplice “abbiamo sbagliato. Scusateci”. Espressioni di “giustificazione” scatenano reazioni peggiori.
  • Chiarire la posizione subito. Non aspettare 10 e più ore dall’evento.
  • Non lasciare il campo. Essere costantemente presenti dopo il fattaccio. Se si sparisce e non si risponde più alle richieste, si peggiorerà la situazione.

Published by

Simone Favaro

Blogger, author, marketing and business networking strategist helping companies to build their online strategy and strong relationships using the social web.

What do you think about?